Vai al contenuto

Poesie

M’inebrio del silenzio
M’inebrio del silenzio,
del vuoto sporco di nebbia,
della notte che non vuole il giorno.
Poi anch’io finisco
e forse neppure c’ero.

Amo il canto dell’assiuolo
Amo il canto dell’assiuolo.
Un chiù e un riposo,
il tempo breve per sognare.
Un riposo e un chiù,
il tempo breve per la vita.

Il giocoliere delle parole
l giocoliere delle parole
le sceglie, le mescola e le sputa.
Ci penseranno altri a carezzarle,
ciascuno come vuole venderle,
che tanto sono puttane.

Un soffio…
Un soffio: sei tu amore mio?
Agiti le pieghe amniotiche del tempo,
rifletti l’anima sul mondo antico.
Ma è un’eco lontana che sfuma.
Forse l’inganno del desiderio.

Sale, vento, sabbia
Sale, vento, sabbia,
legni di marinai vinti dal mare.
Assi zuppe sulla battigia
prendo e rilancio sulle spume,
cocci che l’oceano rifiuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *